IBRIDE. L’esperienza del cancro al seno tra mutazione genetica e identitaria: un’analisi sociologica


Annunciamo la pubblicazione del libro di Barbara Morsello intitolato “IBRIDE. L’esperienza del cancro al seno tra mutazione genetica e identitaria: un’analisi sociologica” presso la casa editrice Roma Tre Press. “Ibride” nasce da una ricerca sociologica e da un percorso di riflessione intrapreso durante un periodo di ricerca sul campo presso l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma tra il 2017 e il 2019. L’ibridazione, a cui il testo fa più volte riferimento, indica la mescolanza di elementi eterogenei e nel caso specifico vuole riferirsi al processo che si attiva quando le categorie biomediche entrano nel campo della vita quotidiana. Il caso del cancro al seno è emblematico in quanto ai grandi investimenti in ambito oncologico e all’enfasi crescente sulla prevenzione nel discorso pubblico corrisponde una densità dell’esperienza, di malattia e di genere, forse senza eguali.

La versione digitale è disponibile in open access al seguente link: http://romatrepress.uniroma3.it/libro/ibride-lesperienza-del-cancro-al-seno-tra-mutazione-genetica-e-identitaria-unanalisi-sociologica/

Una grammatica della digitalizzazione


é uscito il libro “Una grammatica della digitalizzazione” a cura di Daniele Marini e Francesca Setiffi. Il volume è dedicato ad esplorare nuove categorie concettuali  – una grammatica come suggerisce il titolo – per mezzo della quale leggere e interpretare più correttamente le recenti metamorfosi della realtà sociale promosse dalla digitalizzazione. Paolo Giardullo e Francesco Miele contribuiscono a quest’opera proponendo un’agenda di ricerca in prospettiva STS a cavallo tra datafication e studi organizzativi. Il testo è in open access e liberamente scaricabile dal sito dell’editore.

AttivAree. Un disegno di rinascita delle aree interne


Annunciamo il libro appena pubblicato da Giorgio Osti e Elena Jachia per il Mulino intitolato “AttivAree. Un disegno di rinascita delle aree interne”.  Il testo rappresenta una sintesi di come si intende e si pratica lo sviluppo locale in aree interne di regioni ricche. E’ infatti il resoconto di due grossi progetti realizzati nelle prealpi bresciane e nell’Oltrepo’ pavese. Se immaginiamo un triangolo dello sviluppo con ai vertici: cultura, socialità e innovazione tecnologica, potremmo notare che nelle aree interne si prediligono i primi due, per ragioni tutte da indagare.

Io e il mio DNA


Di Federico Neresini, Il Mulino, ISBN 978-88-15-29057, pp. 223

Il nuovo libro di Federico Neresini si apre con un esperimento personale particolare: la mappatura del proprio genoma. Nelle pagine del libro, che diventa un diario delle esperienze che ne conseguono, vengono condotte una serie di riflessioni sul DNA come fenomeno sociale, dalla sua capacità di entrare nei discorsi pubblici al suo appeal mediatico, dalla smisurata fede in un gene “per qualsiasi cosa”, alle ombre della sua storia fino al business della genomica on line. Ciò che viene discusso nel testo è che quel carico di promesse, insito in ogni scoperta scientifica, rende la molecola del Dna un’icona del futuro e una speranza per l’accesso al benessere illimitato, alle cure e alla conoscenza di se stessi: il Dna è «unico» e ci rende unici.

Studi sociali sulla scienza e la tecnologia


a cura di Paolo Magaudda – Federico Neresini, Collana «Manuali» – il Mulino, ISBN 978-88-15-28789-2, pp. 280

È uscito il volume collettaneo curato da Paolo Magaudda e Federico Neresini che introduce agli studi sociali sulla scienza e la tecnologia (STS), un ambito di ricerca e un filone di riferimento per analizzare e comprendere la complessa relazione tra innovazione tecno-scientifica e contesto sociale, politico e culturale più ampio. Nel testo si confrontano i principali studiosi italiani degli studi STS, tra questi alcuni membri di PaSTIS tra cui Paolo Giardullo, Sergio Minniti e Alessandro Mongili, innanzitutto sulle origini, i principali concetti e le questioni di base di questo approccio, offrendo un ampio spettro di temi e settori di intersezione tra scienza, tecnologia e società: dalla sostenibilità ambientale alla salute, dalle tematiche riguardanti il genere e il corpo al ruolo delle reti e degli algoritmi, dalle trasformazioni nel mondo del lavoro a quelle dei processi educativi.

Tavola rotonda: Innovazione digitale. Tecnologie, Informazione, Media


Il 29 Aprile presso la “Specola” (L’osservatorio Astronomico di Padova) si terra la tavola rotonda intitolata Innovazione digitale – Tecnologie, Informazione, Media. 

La tavola rotonda vedrà alcuni autori di recenti libri sull’innovazione e i media digitali (tra cui Storia dei media digitali) discutere attorno a questi temi. In particolare saranno presenti oltre al sottoscritto, Gabriele Balbi, Luca De Biase, Federico Neresini e Paolo Vidali, con una presentazione di Leopoldo Benacchio. Read more…