Antropologia dei microbi. Come la metagenomica sta riconfigurando l’umano e la salute di R. Raffaetà


I microbi, questi sconosciuti!

Già, perché è soltanto da poco più di una decina di anni gli scienziati sono in grado di studiare il mondo microbico e l’impatto che questi hanno sulla nostra salute e sull’ambiente. Con il libro “Antropologia dei Microbi” di Roberta Raffaetà ci racconta della sua esperienza di ricerca presso il CIBIO – Center for Integrative Biology di Trento illustrando come gli scienziati esplorano questo mondo microbico tra biologia, medicina e informatica, attraverso avanzate tecnologie di sequenziamento, big data e sistemi di intelligenza artificiale. In questo processo, l’autrice racconta, biologia, medicina, informatica e antropologia si riconfigurano e ciò porta a riconsiderare cosa significhi essere umani e il nostro ruolo in un mondo che esiste e persiste grazie, soprattutto, ai microbi. Questo ed altri aspetti saranno discussi il 30 settembre ore 17.00 presso il FISSPA dell’Università di Padova insieme a Paolo Magaudda, che introdurrà i lavori, Federico Neresini e Barbara Morsello che avranno modo di confrontarsi con l’autrice.

L’evento sarà aperto al pubblico in presenza e online previa prenotazione all’indirizzo mail: info@pastis-research.eu. Sarà necessario indicare nella mail nome, cognome e affiliazione (ove possibile) e se si preferisce assistere online oppure in presenza.

In conformità a quanto prescritto dai vigenti provvedimenti legislativi, fra cui in particolare il decreto legge 22 aprile 2021, n. 52, convertito, con modificazioni, dalla Legge 17 giugno 2021, n. 87, con le modifiche apportate dal decreto-legge 23 luglio 2021, n. 105, sono adottate le seguenti misure per il contrasto ed il contenimento della diffusione del COVID-19.

– L’accesso sarà consentito esclusivamente ai soggetti muniti di Certificazione verde COVID-19 (di cui all’art. 9 del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 giugno 2021, n. 87): la relativa verifica verrà effettuata secondo quanto previsto dall’art. 13 del D.P.C.M. 17 giugno 2021 “Disposizioni attuative dell’articolo 9, comma 10, del decreto-legge 22 aprile 2021, n. 52, recante “Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19”.

The intricacies of power relations and digital technologies in organizational processes


E’ uscito sulla rivista Studi Organizzativi lo special issue “The intricacies of power relations and digital technologies in organizational processes” curato da Francesco Miele assieme ad Attila Bruni, Daniel Pittino e Lia Tirabeni. Il volume, ospitando sei contributi di autori italiani e internazionali, si propone di contribuire al superamento della visione determinista del rapporto tra cambiamento tecnologico e asimmetrie di potere sui luoghi di lavoro. Ponendosi all’incrocio tra studi organizzativi, sociologia del lavoro e science and technology studies, i lavori proposti riflettono sui complessi intrecci che coinvolgono le tecnologie e i loro usi emergenti, i processi organizzativi nel loro complesso e le dinamiche di potere e controllo nelle organizzazioni contemporanee. 

Seminar on Science, Technology and Media Studies: a Showcase of Empirical Research


Schermata 2021 06 21 alle 11.02.19 | Padova Science Technology and Innovation Studies <p>
Durante il mese di giugno Pastis curerà un ciclo di seminari su Science, Technology & Media Studies nell'ambito del PhD in Social Sciences: Interactions, Communication, Cultural Constructions dell'Università di Padova. Gli incontri, previsti per il 14, il 22 e il 30 giugno saranno curati Paolo Magaudda e Marco Scarcelli ed avranno diversi ospiti del panorama italiano ed internazionale, i quali saranno chiamati a condividere e discutere le loro esperienze di ricerca. Il primo appuntamento Media, Sexualities and Masculinities avrà come ospite principale John Mercer dalla Birmingham City University con un intervento sulle domande di ricerca e le sfide dei masculinities and media studies, mentre i due successivi si concentreranno principalmente su Science, Technology, Knowledge and Infrastructures con un primo intervento di Attila Bruni dall'Università di Trento sulle infrastrutture digitali di Arbnb mentre il secondo intervento di Barbara Morsello dall'Università di Padova, si soffermerà sul ruolo delle Refused Knowledge Communities (RKCs) online durante la pandemia da Sars-Cov2. Chiuderà il ciclo l'ultimo incontro su Media, Gender and Intimacy con Jamie Hakim dal King’s College London, con una riflessione sull'intimità digitale.</p>
Durante il mese di giugno Pastis curerà un ciclo di seminari su Science, Technology & Media Studies nell’ambito del PhD in Social Sciences: Interactions, Communication, Cultural Constructions dell’Università di Padova. Gli incontri, previsti per il 14, il 22 e il 30 giugno saranno curati Paolo Magaudda e Marco Scarcelli ed avranno diversi ospiti del panorama italiano ed internazionale, i quali saranno chiamati a condividere e discutere le loro esperienze di ricerca. Il primo appuntamento Media, Sexualities and Masculinities avrà come ospite principale John Mercer dalla Birmingham City University con un intervento sulle domande di ricerca e le sfide dei masculinities and media studies, mentre i due successivi si concentreranno principalmente su Science, Technology, Knowledge and Infrastructures con un primo intervento di Attila Bruni dall’Università di Trento sulle infrastrutture digitali di Arbnb mentre il secondo intervento di Barbara Morsello dall’Università di Padova, si soffermerà sul ruolo delle Refused Knowledge Communities (RKCs) online durante la pandemia da Sars-Cov2. Chiuderà il ciclo l’ultimo incontro su Media, Gender and Intimacy con Jamie Hakim dal King’s College London, con una riflessione sull’intimità digitale.

COVID-19: LE PAROLE CHE “CONTANO”. Primo rapporto del Progetto Technoscientific Issues in the Public Sphere (TIPS)


Finalmente è online il primo rapporto del progetto TIPS – Technoscientific Issue in the Public Sphere che indaga l’impatto della pandemia sulla copertura mediale della tecnoscienza. Dallo studio, coordinato da Federico Neresini e a cui hanno preso parte diversi membri di Pa.S.T.I.S tra cui Paolo Giardullo e Stefano Crabu, emerge un quadro radicalmente mutato a seguito della pandemia che ha riconfigurato la narrazione pubblica della scienza e la tecnologia. Se tale cambiamento non è difficile da constatare, non è invece affatto semplice stabilirne l’entità e le caratteristiche. La pandemia globale ha, infatti, scalzato tematiche e tendenze  consolidate nel panorama mediale italiano fino al 2019 introducendone di nuove legate alla diffusione del virus SARS-CoV-2.

Scarica il report “L’ANNO DELLA PANDEMIA | 1°rapporto del progetto TIPS”

Serie di seminari: Media, Società, Genere & Sessualità


MediaGenere | Padova Science Technology and Innovation Studies Nell'ambito del corso di "Nuovi Media" del CDS in Comunicazione dell'Università di Padova, il prof. Marco Scarcelli inaugura una serie di seminari che si concentrano sui temi legati al genere e alla sessualità nel panorama mediale attuale.La partecipazione è libera previa iscrizione agli incontri che si svolgeranno dalle 14.30 alle 16.30 tramite la piattaforma zoom.Qui il link per l'iscrizione: http://www.bit.ly/MediaGenere

Nell’ambito del corso di “Nuovi Media” del CDS in Comunicazione dell’Università di Padova, il prof. Marco Scarcelli inaugura una serie di seminari che si concentrano sui temi legati al genere e alla sessualità nel panorama mediale attuale.
La partecipazione è libera previa iscrizione agli incontri che si svolgeranno dalle 14.30 alle 16.30 tramite la piattaforma zoom.
Qui il link per l’iscrizione: http://www.bit.ly/MediaGenere

Seminario: “Vento Forte. Eoliche e professioni della green economy”


Schermata 2021 03 16 alle 10.43.15 | Padova Science Technology and Innovation Studies 
<p>Parlare di transizione ecologica significa toccare un tema molto attuale e molto concreto. Ma cosa significa affontarla nel suo farsi attraverso l'installazione di tecnologie per la produzione di energia
rinnovabile? A questa ed altre domande risponde Ivano Scotti (UNIPI), con il suo libro "Vento Forte" (Orthotes 2020) in cui analizza la professione degli sviluppatori eolici come figure intermediarie
attingendo al repertorio concettuale dell'Actor-Network Theory e applicandola direttamente per lo studio delle dinamiche socio-territoriali che si realizzano attorno alla traduzione nel concreto dell'energia rinnovabile. Il seminario è aperto a tutti e sarà tenuto all'interno dell'insegnamento di Sociologia dell'Ambiente e del Territorio con il supporto del CdL in Scienze Sociologiche</p>

Parlare di transizione ecologica significa toccare un tema molto attuale e molto concreto. Ma cosa significa affontarla nel suo farsi attraverso l’installazione di tecnologie per la produzione di energia
rinnovabile? A questa ed altre domande risponde Ivano Scotti (UNIPI), con il suo libro “Vento Forte” (Orthotes 2020) in cui analizza la professione degli sviluppatori eolici come figure intermediarie
attingendo al repertorio concettuale dell’Actor-Network Theory e applicandola direttamente per lo studio delle dinamiche socio-territoriali che si realizzano attorno alla traduzione nel concreto dell’energia rinnovabile. Il seminario è aperto a tutti e sarà tenuto all’interno dell’insegnamento di Sociologia dell’Ambiente e del Territorio con il supporto del CdL in Scienze Sociologiche

IBRIDE. L’esperienza del cancro al seno tra mutazione genetica e identitaria: un’analisi sociologica


Schermata 2021 02 04 alle 11.01.49 | Padova Science Technology and Innovation Studies Annunciamo la pubblicazione del libro di Barbara Morsello intitolato "IBRIDE. L’esperienza del cancro al seno tra mutazione genetica e identitaria: un’analisi sociologica" presso la casa editrice Roma Tre Press. “Ibride” nasce da una ricerca sociologica e da un percorso di riflessione intrapreso durante un periodo di ricerca sul campo presso l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma tra il 2017 e il 2019. L’ibridazione, a cui il testo fa più volte riferimento, indica la mescolanza di elementi eterogenei e nel caso specifico vuole riferirsi al processo che si attiva quando le categorie biomediche entrano nel campo della vita quotidiana. Il caso del cancro al seno è emblematico in quanto ai grandi investimenti in ambito oncologico e all’enfasi crescente sulla prevenzione nel discorso pubblico corrisponde una densità dell’esperienza, di malattia e di genere, forse senza eguali.

Annunciamo la pubblicazione del libro di Barbara Morsello intitolato “IBRIDE. L’esperienza del cancro al seno tra mutazione genetica e identitaria: un’analisi sociologica” presso la casa editrice Roma Tre Press. “Ibride” nasce da una ricerca sociologica e da un percorso di riflessione intrapreso durante un periodo di ricerca sul campo presso l’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena di Roma tra il 2017 e il 2019. L’ibridazione, a cui il testo fa più volte riferimento, indica la mescolanza di elementi eterogenei e nel caso specifico vuole riferirsi al processo che si attiva quando le categorie biomediche entrano nel campo della vita quotidiana. Il caso del cancro al seno è emblematico in quanto ai grandi investimenti in ambito oncologico e all’enfasi crescente sulla prevenzione nel discorso pubblico corrisponde una densità dell’esperienza, di malattia e di genere, forse senza eguali.

La versione digitale è disponibile in open access al seguente link: http://romatrepress.uniroma3.it/libro/ibride-lesperienza-del-cancro-al-seno-tra-mutazione-genetica-e-identitaria-unanalisi-sociologica/

Una grammatica della digitalizzazione


unnamed 8 | Padova Science Technology and Innovation Studies é uscito il libro "Una grammatica della digitalizzazione" a cura di Daniele Marini e Francesca Setiffi. Il volume è dedicato ad esplorare nuove categorie concettuali  - una grammatica come suggerisce il titolo - per mezzo della quale leggere e interpretare più correttamente le recenti metamorfosi della realtà sociale promosse dalla digitalizzazione. Paolo Giardullo e Francesco Miele contribuiscono a quest'opera proponendo un'agenda di ricerca in prospettiva STS a cavallo tra datafication e studi organizzativi. Il testo è in open access e liberamente scaricabile dal sito dell'editore.

é uscito il libro “Una grammatica della digitalizzazione” a cura di Daniele Marini e Francesca Setiffi. Il volume è dedicato ad esplorare nuove categorie concettuali  – una grammatica come suggerisce il titolo – per mezzo della quale leggere e interpretare più correttamente le recenti metamorfosi della realtà sociale promosse dalla digitalizzazione. Paolo Giardullo e Francesco Miele contribuiscono a quest’opera proponendo un’agenda di ricerca in prospettiva STS a cavallo tra datafication e studi organizzativi. Il testo è in open access e liberamente scaricabile dal sito dell’editore.